LG
MD
SM
XS
Esito ricerca con la parola chiave:
 
DeGusto
15.01
Il ritorno della vera Budweiser

Giustizia è fatta. L’originale birra ceca puoi tornare a chiamarsi Budweiser Budvar in tutta Europa.

Di battaglie intorno al nome è pieno il mondo dell’enogastronomia. Oltre alle dispute tra Prosecco e Prosek, tra parmigiano e parmesan c’è anche quella intorno al termine Budwiser, cioè "birra di Budweis". 

Fino al 1945 Budweis, in tedesco, è stato il nome ufficiale di una città della Boemia dove dal 1700 viene prodotta nel rispetto della Purity Law tedesca del 1516 una lager di grande qualità con acqua purissima di una antica sorgente sotterranea, luppolo di Saaz e malto di Moravia. Nel dopoguerra la cittadina cambiò nome e assunse quello ceco di České Budějovice. Alla fine dell’ottocento, però, un immigrato tedesco aveva aperto negli Stati Uniti una fabbrica di birra e aveva iniziato a produrre una bionda denominata Budweiser, poi chiamata semplicemente Bud, una birra lager a bassa gradazione senza particolari qualità. 
C’erano così due Budweiser e, quando i mercati si aprirono dopo il crollo dell’Unione Sovietica, fu inevitabile lo scontro e per un certo periodo i ceci furono costretti a usare il nome Budejovický Budvar. Recentemente la corte di cassazione italiana ha riconosciuto agli originari creatori della birra di Budweis il diritto di chiamarsi Budweiser, birra che può essere prodotta solo nella città di origine, e di usare il logo IGP. Dopo 13 anni di lotta la birra ceca può tornare al nome originario di Budweiser Budvar. Se vuoi rendere giustizia a questa bionda la puoi acquistare da Prevedello (vai alla pagina Facebook) o gustare nei locali dove viene distribuita alla spina.



Gallery
I più letti
Newsletter

Vuoi essere aggiornato su Yupper e ricevere ogni mese tutte le notizie su eventi?

La tua email: